Psicosi

I disturbi psicotici rappresentano le forme più gravi e più estreme di sofferenza psichica che compromettono maggiormente la vita dell’individuo.

 

Le persone psicotiche si comportano in modo molto distante dalla normalità. E ciò molto spesso spaventa chi gli sta attorno.

 

La caratteristica fondamentale di questi disturbi sta nel fatto che la persona non mantiene un adeguato contatto con la realtà. Accade che la persona difende le proprie convinzioni e percezioni fuori dall’ordinario e molto spesso non ha coscienza della propria malattia.

 

Elenco alcuni sintomi propri dei disturbi psicotici:

  • deliri, convinzioni errate;
  • allucinazioni (percezioni che avvengono in assenza di un oggetto): la persona che ha un’allucinazione vede (a. visive), ascolta (a. uditive: rumori, fischi, ronzii, voci), gusta (a. gustative), sente odori (a. olfattive), sente al tatto (a. tattili) o sul corpo in toto (a. cenestesiche) qualcosa che in realtà non c’è e che gli altri non percepiscono;
  • eloquio disorganizzato: discorsi senza un filo logico;
  • comportamento grossolanamente disorganizzato;
  • comportamento catatonico (in alcuni casi anche arresto motorio);
  • appiattimento dell’affettività;
  • alogia;
  • abulia;
  • scarsa cura di sé;
  • ritiro sociale.

Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-V) annovera tra i disturbi psicotici: la schizofrenia, il disturbo delirante, il disturbo psicotico breve, il disturbo schizofreniforme, il disturbo schizoaffettivo, la catatonia.

 

Si parla di disturbo schizoaffettivo quando la persona soffre di una serie di sintomi correlati con la schizofrenia in combinazione con un gruppo di sintomi propri delle malattie che interessano l’umore, come ad esempio la mania o la depressione. Tale disturbo si può dunque considerare come una sorta di condizione mista tra sintomi appartenenti a varie malattie mentali.

 

La cura dei disturbi psicotici dovrebbe essere di tipo multifattoriale e preferibilmente in equipe multidisciplinare (psicoterapeuta, psichiatra, infermiere, tecnico della riabilitazione psichiatrica).

 

Non è possibile affrontare in modo efficace le psicosi ignorando la necessità di psicofarmaci, ma allo stesso tempo non è possibile pensare di poter affrontare dinamiche umane psichiche e interpersonali solamente tramite la psicofarmacologia.

 

Ritengo sia importante, laddove possibile, coinvolgere la famiglia della persona con disturbo psicotico nella sua riabilitazione. A questo scopo la famiglia può essere specificamente aiutata a conoscere i sintomi e i fattori scatenanti della malattia psicotica e a prendersi cura più adeguatamente del familiare malato.

Il mio studio

Dr. Nicola Gammone

psicologo psicoterapeuta,

Via dei Ramni 24

(quartiere San Lorenzo), 00185 Roma,

fermata metro Termini, proseguendo poi a piedi per circa 10 minuti.

Contatti

Puoi contattarmi al numero +393291460271

oppure tramite e-mail

dr.nicola.gammone@gmail.com

Link & Articoli

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2017 Vinceres78 - Web Graphic - vinceres78@libero.it

Chiama

E-mail

Come arrivare